Iniziative

 

29 MARZO 2015: NEWROZ a BUCCINASCO

PAZARCIK DUGUN SALONU
VIA PIEMONTE 19 – BUCCINASCO (Milano)
dalle 14.30 alle 20.00

FB_IMG_1426002395249

 

 

 

 

 

 

 

 

Invitati e programma


HASIP KAPLAN – VICEPRESIDENTE DEL PARTITO HDP (Partito democratico del popolo)

CANTANTI: DIYAR
, NUARIN
, HAWAR KOMO (xalikan)
, GRUPPO KAYA
, ZEYNEL NEFESLIDE, 
CINEVISION


BALLI, DANZE CURDE E CENA CURDA

_______________________________________________

rojava ridotto

 

 

 

 

 

 

 

clicca sulla locandina per ingrandire l’immagine

26 febbraio 2015
FOA Boccaccio, Via Rosmini 11 Monza
ore 20: cena kurda benefit per Kobane
ore 21: proiezione del video Un giorno in Siria con le combattenti curde, a seguire dibattito sulla lotta delle donne curde e presentazione dell’iniziativa di piazza che si terrà l’8 marzo a Milano a partire dall’appello fatto dalle compagne curde.

27 febbraio 2015
Kinesis autogestito, Via Carducci 3 Tradate (Va)
ore 19: aperitivo a sostegno delle donne curde
ore 21: presentazione della Giornata Internazionale delle Donne 2015 dedicata alla rivoluzione delle donne nel Rojava e alla resistenza delle donne curde organizzate nelle Unità di Difesa delle Donne YPJ.
A seguire: Storie di donne comuni, recital contro la violenza sulle donne a cura di Miriam Cossar con la partecipazione della JJB (band rockblues tradatese)
Presentazione presentazione dell’iniziativa di piazza che si terrà l’8 marzo a Milano.

3 marzo 2015
Pianoterra, Via Confalonieri 3 Milano
ore 19.30: aperitivo benefit
ore 20.30: proiezione del video Un giorno in Siria con le combattenti curde, a seguire dibattito sulla lotta delle donne curde e presentazione della giornata dell’8 marzo a Milano con alcune compagne femministe milanesi e il gruppo di autodifesa femminista della palestra popolare di Pianoterra

5 marzo 2015
Libreria Calusca, Via Conchetta 18 Milano
ore 19: aperitivo benefit per i progetti delle donne curde in Rojava
ore 20.30: proiezione di Voci di donne del Rojava, a seguire dibattito sulla lotta delle donne curde e presentazione della giornata dell’8 marzo a Milano con le compagne curde.

Ad ogni iniziativa parteciperanno anche alcune compagne curde

manifesto_milano8 marzo 2015
ore 14: partenza dal giardino di Via dei Transiti (MM1 Pasteur) per una camminata autodeterminata in via Padova e dintorni, con la partecipazione delle donne della comunità kurda

ore 18.30: a Villa Pallavicini (via Meucci 3, Milano), buffet curdo e incontro con Nursel Kilic, responsabile della commissione esteri del movimento delle donne curde; a seguire musiche e danze curde

clicca sulla locandina per ingrandire l’immagine

 


 

8marzo2015-roma

 

 

 

 

 

 

 

 

clicca sulla locandina per ingrandire l’immagine

Iniziativa di piazza a Roma                                                                                                   Domenica 8 marzo corteo delle donne
Partenza ore 10.00 dal Cagne Sciolte in Via Ostiense 137b
Arrivo al centro socio-culturale Ararat CON PRANZO SOCIALE A
Pranzo sociale a sostegno della ricostruzione di Kobane
A seguire proiezioni ed assemblea pubblica

_____________________________________________________________________________

Kurdistan: la rivoluzione delle donne
: autorganizzazione, ecologia e libertà di genere

incontro con 
Haskar Kirmizigul
 della Fondazione Internazionale delle Donne Libere Kurde
Venerdì 27 febbraio 2015 h. 20,30
Sala Conferenze Hotel Cristallo
P.za D’Annunzio, 43 – Udine

La liberazione della donna è alla base della liberazione del popolo curdo. 
E’ il punto da cui tutto deve iniziare.
 Con Haskar parleremo di questo, dell’elaborazione e dell’attuazione di un nuovo paradigma per la liberazione e la riorganizzazione del popolo curdo e dei punti fondamentali da cui tutto è partito: libertà di genere, ecologia, democrazia.

E’ a partire da questo paradigma che in Rojava, nel mezzo di una guerra, si è attivato un movimento di donne diventato protagonista di una rivoluzione sociale e politica che ci interessa parecchio e che, pur in contesti diversi, trova molti punti di corrispondenza con un sentire femminista ed ecofemminista che abbiamo fatto anche nostro, per quel bisogno di connettere etnie, lingue e ambiente, rompendo la pesante cappa del dominio, sotto l’ampio respiro della libertà.

Come ha raccontato Haskar in altre occasioni, le donne curde si sono organizzate a tutti i livelli, nella teoria e nella pratica.
 Hanno creato delle comuni e delle organizzazioni educative e sociali in molti quartieri; hanno potenziato formazione e studio, a partire dal punto di vista delle donne; si sono mobilitate con le donne arabe, turcomanne, assire ed alevite ed hanno lavorato a soluzioni politiche collettive; sono state e sono la forza motrice della rivoluzione.

Una rivoluzione nella rivoluzione, perchè dal nuovo sistema di autonomia democratica del quale sono state progettiste ed artefici, sono stati eliminati tutti gli approcci patriarcali.
 Questo ha dato vita ad un divenire le cui potenzialità trascendono il Kurdistan e possono diventare una proposta ricca di interesse e progettualità per tutt*.
 Per noi sicuramente.

JIN, JȊYAN, AZADȊ
CHE LE DONNE VIVANO IN LIBERTA‘
dedichiamo il prossimo 8 marzo alla lotta delle donne kurde

a cura di Dumbles: feminis furlanis planetaris

____________________________________________________________________

 

Iniziative a Bologna

rojava ridotto

 

 

 

 

 

 

 

 

clicca sull’immagine per ingrandire la locandina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *