Il Congresso delle donne libere ricorda Zilan

Messaggio del Congresso delle donne libere per commemorare Zilan (Zeynep Kınacı)
29 giugno 2015
NEWS DESK – ANF

285Il Congresso delle donne libere (KJA) ha rilasciato una dichiarazione scritta per commemorare Zeynep Kınacı che aveva sacrificato la sua vita a Dersim il 30 giugno 1996.

Il KJA ha descritto Zilan come una compagna che ha resistito ai dolori, ai massacri e alle ingiustizie rivolti contro la popolazione del Kurdistan, e la ri-creatrice della cultura della dea che per migliaia di anni è stata sotto uomini perfidi e subdoli. Il KJA ha ricordato che Zilan si era unita al Movimento kurdo per la libertà nel 1995 e aveva resistito ai massacri sanguinosi contro la popolazione kurda.

Il Congresso delle donne libere ha detto che Zilan ha sacrificato la sua vita in una azione [1] per far sentire la propria voce contro i danni che il popolo curdo e il Kurdistan avevano subito, così come contro l’oppressione delle donne kurde. Appassionata dalla resistenza delle donne curde per ottenere la libertà, Zilan ha sempre sottolineato gli aspetti sociali dello Stato e dell’oppressione maschile contro le donne, così come la necessità di approcciare le questioni delle donne dalla prospettiva dell’emancipazione.

Il KJA ha dichiarato che Zilan è diventata la dea della lotta delle donne per la libertà il 30 giugno 1996, quando ha detto che voleva una vita libera e ha eseguito l’azione in cui ha sacrificato la sua vita. Il KJA ha descritto l’auto-sacrificio di Zilan come una forte resistenza contro gli omicidi di donne, giovani e anziani a Dersim.

Il Congresso delle donne libere ha spiegato il ruolo di Zilan nella creazione del profilo di una donna libera come un salto qualitativo nella lotta delle donne per la libertà. Il KJA ha ricordato l’orgoglio di Zilan nel seguire il percorso del sacrificio di sé per la liberazione delle donne, e ha detto che la totale interiorizzazione di Zilan della libertà delle donne illumina il cammino della liberazione di tutte. Il KJA ha commemorato il 19° anniversario del martirio di Zilan (Zeynep Kınacı) e ha sottolineato il proprio impegno in memoria di Zilan.

[traduzione nostra da FiratNews]

[1] Il 30 giugno 1996, Zeynep Kınacı, guerrigliera ventiquattrenne dell’ARGK, si è gettata contro una parata militare nella città di Tunceli (Dersim) facendo esplodere una bomba nascosta sotto i vestiti e uccidendo nove soldati turchi.

Leggi anche Zilan: Manifesto di vita per le donne curde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *