Newroz: non si può fermare la primavera, non si può fermare la resistenza

newrozIl governo di Erdogan ha provato a fermare la primavera, vietando i festeggiamenti per il Newroz, ma il comitato organizzativo ha dichiarato che non riconosce il divieto e che i festeggiamenti si svolgeranno come da programma.

Proprio oggi è stata dichiarata la nascita della regione federale del Rojava, che sarà sancita proprio il 21 marzo prossimo. Nel 2005, in occasione del Newroz, Abdullah Ocalan aveva annunciato il progetto del confederalismo democratico.

Anche in Italia ci saranno festeggiamenti e manifestazioni in diverse città:
Roma – 18/19 Marzo
Firenze – 19 Marzo
Parma – 19 Marzo
Bolzano – 19 marzo
Torino- 20 Marzo
Cagliari – 20 Marzo
Bologna – 20 Marzo
Milano – 20 Marzo
Palermo, 20 Marzo
Catania, 22 Marzo
Adrano, 23 Marzo
Napoli, 29 Marzo

Per approfondimenti e aggiornamenti, consigliamo di consultare la pagina web di UIKI Onlus dedicata al Newroz in Italia.

Dal comunicato del Coordinamento Toscano per il Kurdistan, una breve ma significativa storia del Newroz e del suo significato politico.

Newroz, risveglio della natura e della società, simbolo per il popolo kurdo della lotta contro l’oppressione. La leggenda racconta che il 21 Marzo del 612 a.c. il fabbro Kawa liberò il popolo dei medi dalla tirannide assira uccidendo il Re Dehaq e accese dall’alto del castello, in cima ad un’imponente montagna, un grande fuoco, che scatenò una catena di fuochi che annunciavano al popolo la libertà. I colori ed i fuochi di Kawa, il giallo, il rosso e il verde diventarono i simboli della bandiera del Kurdistan.

Nel 1982, i prigionieri politici del PKK scelsero questa data per dare inizio al primo movimento di resistenza nelle carceri turche; in quell’occasione Mazlum Dogan dette fuoco alla sua cella e si impiccò come gesto estremo contro tortura e repressione ed il suo gesto rappresentò per il movimento di liberazione kurdo grande stimolo alla lotta. A partire da allora il Newroz è celebrato con grandi manifestazioni di popolo che, sfidando coraggiosamente i divieti dello stato turco, sono diventate il simbolo della serhildan (in kurdo “a testa alta”), la resistenza contro assimilazione e repressione.

Da oltre 40 anni infatti le organizzazioni popolari e rivoluzionare curde, legate al PKK, combattono per la libertà e l’autodeterminazione, in Turchia, in Siria, in Iraq ed in Iran, per la propria identità negata e contro l’oppressione e lo sfruttamento. Il Newroz 2016 cade in una fase molto importante; da una parte la repressione di ogni istanza di autonomia e libertà nel Bakur, Kurdistan turco, la detenzione in isolamento del Presidente Ocalan e di migliaia di prigionieri politici, dall’altra l’aumento del conflitto e l’esperienza rivoluzionaria in Rojava nel contesto della guerra generale del Medio Oriente.

Nel Bakur la volontà di libertà ed emancipazione, da oltre 40 anni rappresentata dal PKK, è oggi sotto gli attacchi dell’esercito turco. Dalle elezioni di settembre in poi centinaia di morti, intere città sotto coprifuoco per decine e decine di giorni; arresti di giornalisti, sindaci e rappresentanti dei Comuni, minacce continue ai rappresentanti dell’HDP; anziani e donne bruciati vivi nei palazzi, scontri quotidiani con le milizie popolari che si sono organizzate per la difesa dei propri quartieri, delle proprie case, della libertà. Tutto ciò con il silenzio complice di governi e media occidentali che, di fronte ad un regime fascista come quello turco, antepongono gli interessi economici e geopolitici ai tanto sbandierati valori, cari quando si devono portare le guerrre umanitarie in giro per il mondo, ma vuoti quando si tratta di difendere i propri soldi.

Nel Rojava, Kurdistan siriano, da oltre 3 anni l’esperienza del PYD, con le forze popolari armate delle YPG ed YPJ, legati al PKK, sta portando avanti una rivoluzione ed un progetto politico di liberazione popolare e di genere, esperienza fondamentale e determinante nello scenario siriano ed iracheno; una delle poche prospettive reali di lotta all’Isis come ai vecchi regimi feudali, e soprattutto unica prospettiva di emancipazione popolare, sintetizzata nel Confederalismo Democratico.

7961795032_8948569be7_z

7961795608_5ff916bc4e_z

7961925996_727d727ffd_z

userupload_2013_8914718161413023817.6487

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *